Italia | italiano

Dispositivi di sicurezza

Insieme di macchine/responsabilità per la conformità alla Direttiva/modifica sostanziale?

Un impianto di trattamento delle acque reflue di un’azienda galvanica viene ammodernato. L’impianto è costituito da diversi serbatoi (in parte con agitatori), filtropressa, diverse pompe, valvole e sistema di misurazione (flusso, livello di riempimento, temperatura, valore pH) con un quadro di comando comune. Vengono sostituite diverse pompe, la filtropressa, il sistema di misurazione e il sistema di comando completo. Il fornitore fornisce il sistema di misurazione e l’automazione, incluso il quadro di comando. La costruzione dell’impianto viene eseguita dal cliente, unitamente al fornitore della filtropressa.

Domanda 1: In questo caso, l’impianto costituisce un “insieme di macchine”?
Domanda 2: In caso affermativo, chi è il costruttore ed chi è responsabile per la conformità alla Direttiva?
Domanda 3: Si tratta di una “modifica sostanziale” che induce a trattare l’impianto come un impianto nuovo?

Risposte:

Alla domanda 1) gli impianti galvanici sono soggetti alla Direttiva Macchine. A causa del collegamento a livello di tecnica di processo, nel presente caso l’impianto costituisce un insieme di macchine.

Ogni costruttore di macchine è responsabile per la conformità alla Direttiva Macchine sia in caso di macchine che di quasi-macchine.

In merito all’INSIEME sono possibili diverse versioni:
Il punto fondamentale è sapere cosa è stato ordinato e/o commissionato. Questo aspetto deve essere chiarito in modo preciso. Se a livello contrattuale non è possibile fornire un’indicazione chiara e precisa, l’utilizzatore deve svolgere il ruolo del responsabile della immissione sul mercato e certificare CE l’insieme di macchine o la linea.

Esempio A: Una ditta viene incaricata di sostituire un motore piccolo con un motore più grande.
Esempio B: Una ditta viene incaricata di sostituire un motore piccolo con un motore più grande e di verificare l’impianto per definire se ciò costituisce una modifica sostanziale ed eventualmente eseguire nuovamente la conformità CE.

Dall’esempio A non è ben chiaro chi è responsabile per la conformità CE. Probabilmente, sarà l’utilizzatore a doversi assumere tale responsabilità. Nell’esempio B è ben chiaro chi deve eseguire la prestazione.

Alla domanda 3) non è possibile fornire una risposta universale. E’ indispensabile conoscere la situazione esatta precedente e successiva alla modifica. Di conseguenza, è necessario eseguire una verifica sul posto. Il documento interpretativo dell’Istituto tedesco di assicurazione sugli infortuni può essere un valido strumento a tale scopo.

 

Contatti

Pilz ltalia S.r.l. Automazione sicura
Via Gran Sasso n. 1
20823 Lentate sul Seveso (MB)
Italia

Telefono: +39 0362 1826711
E-mail: info@pilz.it

Supporto tecnico

Telefono: +39 0362 1826711
E-mail: techsupport@pilz.it